Backstage-Tutorial fotografia di Still life ad oggetti di Design in Cristallo Acrilico

Carrello Alto con rivista

In questo Tutorial fotografia di Still life vedrete come ho realizzato alcune immagini particolarmete difficili da realizzare. Fotografare un articolo trasparente che fa vedere sempre ciò che c’è dietro e che riflette tutto ciò di cui è circondato è stata una sfida certamente molto avvincente. La scelta del fondo nero non è certo a caso. Qualsiasi altro colore avessi usato non faceva emergere il soggetto, diventava lui protagonista. Quindi, scelsi il “non colore” per eccellenza, l’unico in grado di far emergere la luce nel prodotto.

Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_05_1

Se volete entrare nella mia sala di posa quando ho realizzato quest’immagine, qui sotto trovate il filmato backstage realizzato girando attorno al set. Potete rendervi conto del set stesso nella sua complessità. Vedrete tutte le luci e di tutti gli strumenti posizionati attorno al soggetto. Le luci vengono posizionate e studiate una per volta. Ognuna illumina nel modo opportuno una certa zona. Talvolta a scapito di un’altra zona…ahimè! Quindi, in questo genere di soggetto, per avere un’immagine efficace bisogna realizzare più riprese, proprio per cogliere ogni area del soggetto con la luce giusta. Tutte le immagini realizzate saranno successivamente assemblate con photoshop.

Carrello Basso con bicchiere

Questa è un’altra immagine di un’altro carrello, ma il concetto è sempre lo stesso. Per poter avere certi “colpi di luce” in certe zone del carrello ho dovuto mettere degli specchi, magari dei polistiroli o altri strumenti che entravano visibilmente in campo in certe aree del fotogramma.  Qui la tecnica del “multiscatto”. Ovvero realizzare più riprese fotografiche in cui ognuna mette in risalto una certa zona a scapito di altre “invase” da oggetti estranei all’immagine. Chiaramente, utilizzeremo in ogni ripresa, solo le zone a noi gradite. Quelle funzionali al nostro progetto.

Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_02_0

Realizzate le riprese, in post produzione si montano su più livelli tutti gli scatti realizzati.
Come primo step è importante assicurarsi che siano perfettamente sovrapponibili, come si dice in gergo tecnico “a registro” (solitamente verifico questo al 400-500%). Questo significa anche una estrema attenzione in sala di posa a non muovere nulla tra uno scatto e l’altro, altrimenti tale “registro” non ci sarebbe più.

Dopodiché in un secondo step, per ogni livello prendo solo le zone “buone”. Solitamente utilizzo delle maschere di livello di photoshop. Proprio per non far vedere le zone che non mi piacciono. Come livello di base solitamente metto l’immagine migliore, ovvero quella più vicina al risultato finale. Poi sopra, ci metto tutti quei livelli che vanno a migliorare le zone “critiche”.

Come ultima fase si realizzano le pulizie dell’immagine nel suo complesso ed i piccoli miglioramenti tonali, ritocchi ecc ecc. Qui sotto uno slideshow: trovate i vari scatti realizzati con didascalie descrittive che descrivono le modalità con cui li ho utilizzati e poi montati in photoshop.

  • Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_06_0
  • Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_07_0
  • Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_08_0
  • Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_09_0
  • Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_10_0

Sedia di Design in Cristallo Acrilico

In quest’ultima sezione potete vedere la fotografia di una sedia, sempre in cristallo acrilico. La tecnica di ripresa è sempre la medesima utilizzata per le foto sopra descritte. La luce che si riflette sulla sedia arriva da una grande tela da bank opalina, dietro la quale ci sono alcuni bank stretti quasi adiacenti. In questo quasi che c’è il tutto. La distanza tra il bank e la tela, è quello che determina la “sfumatura” della pennelata di luce che si vede riflessa sulla sedia.

Federico_Balmas_Fotografia_BlogBS_trasparenze_Torino_04_1

Qui sotto potete vedere un filmato in cui giro attorno al set. Si può osservare come erano disposte le luci e tutti gli altri impanti. Una cosa molto rilevate è la presenza di questi grandi polistiroli neri. Hanno la funzione di “paraluce”. Servono ad evitare che la luce dei bank entri nell’obbiettrivo creando rifrazioni interne mai gradevoli.

2018-02-21T15:59:02+00:0021 febbraio 2018|Nessun Commento

Vuoi lasciare un Commento?